La zootecnia dell’appennino emiliano presenta oggi difficoltà strutturali nella gestione della sostanza organica alla scala aziendale e territoriale. Il progetto Life agriCOlture promuove e sperimenta azioni di governance e buone pratiche agronomiche, compatibili con lo specifico contesto geografico e socio-economico, in grado di realizzare una gestione sostenibile della risorsa suolo con benefici importanti nella sicurezza idrogeologica del territorio e nella mitigazione del cambiamento climatico.

Situazione attuale
Condizioni strutturali, in alcuni casi di lungo periodo, condizionano in maniera rilevante la possibilità di gestire in maniera sostenibile ed efficiente la sostanza organica prodotta dalle attività zootecniche connesse alla produzione di formaggio Parmigiano Reggiano. La secolare polverizzazione fondiaria rende problematiche e costose le pratiche gestionali di corretta manutenzione idraulico-agraria dei campi e l’equilibrata distribuzione della sostanza organica prodotta dagli allevamenti. La perdita di suolo fertile che ne deriva è ulteriormente aggravata dagli effetti di una meccanizzazione agricola non sempre adeguata al contesto geografico. Questo quadro determina due principali conseguenze: un sensibile impoverimento qualitativo dei cotici e dunque della produzione foraggera; il progressivo dissesto idraulico di molti campi che li avvia ad essere sottoutilizzati e infine abbandonati con sensibili conseguenze, in termini di rischio idrogeologico, sull’infrastrutturale stradale e il patrimonio immobiliare.
Area d’intervento
L’area di progetto comprende i due comprensori montani dei Consorzi di Bonifica dell’Emilia Centrale e di Burana. I campi prova, per un totale di quasi 40 ha, sono messi a disposizione da 15 aziende dimostrative collocate in aree particolarmente rappresentative del contesto geografico e pedoclimatico dell’Appennino emiliano.
Obiettivi del progetto
Il progetto Life agriCOlture ha l’obiettivo di introdurre, in aree montane dell’Appennino emiliano soggette a dissesto idrogeologico e abbandono, buone pratiche agronomiche e strumenti di governance della risorsa suolo che salvaguardino il carbonio organico (SOC) recuperando suoli agricoli degradati o poco produttivi e contribuendo a costruire condizioni socio economiche più resilienti per le attività zootecniche.
Il partenariato del progetto Life agriCOlture è costruito nella prospettiva di un nuovo modello di gestione del territorio nel quale l’efficiente distribuzione e stoccaggio della sostanza organica appare centrale non solo ai fini della prevenzione del dissesto idrogeologico ma anche nel quadro di una sempre più necessaria azione di mitigazione del cambiamento climatico. In particolare, i quattro enti coinvolti sono: Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale (Beneficiario coordinatore), Consorzio della Bonifica Burana, Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA, Ente Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Esplora il progetto

Il contesto ambientale e
pedoclimatico
Polverizzazione fondiaria e
gestione della sostanza organica
Sistemi agrari e gestione
della sostanza organica
Difesa del suolo
The LIFE agriCOlture project has received funding from the LIFE Programme of the European Union.
About the LIFE programme
The LIFE programme is the EU’s funding instrument for the environment and climate action created in 1992. Every year, the European Commission, which manages the program LIFE launches a call for proposals and, based on criteria that take into account the multiannual strategic program and any national priorities, determines which of the proposed projects, can benefit from the financial support of LIFE and regularly publishes a list of these projects.
Coordinating beneficiary
Associated beneficiaries

Project Title: Livestock farming against climate change problems posed by soil degradation in the Emilian Apennines
Project Code: LIFE18 CCM/IT/001093
Duration: 4 years (from 02.09.2019 to 31.08.2023)
Total budget: 1,515,276 Euro
EU contribution: 833,118 Euro
Project location: Emilia Romagna

 

To find out more about the project or for any questions, please email us at lifeagricolture@emiliacentrale.it

Il progetto Life agriCOlture ha l’obbiettivo di introdurre, in aree montane dell’Appennino emiliano soggette a dissesto idrogeologico e abbandono, buone pratiche agronomiche e strumenti di governance della risorsa suolo che salvaguardino il carbonio organico (SOC) recuperando suoli agricoli degradati o poco produttivi e contribuendo a costruire condizioni socio economiche più resilienti per le attività zootecniche.